Rimborso delle Terapie Digitali / Digital Therapeutics al DTxWest

Rimborso delle Terapie Digitali / Digital Therapeutics
Rimborso delle Terapie Digitali / Digital Therapeutics

Come si ottiene il rimborso delle Terapie Digitali / Digital Therapeutics DTx? è veramente rilevante? con quale prezzo?

E’ il principale tema di discussione di quanti – sia nelle imprese digitalie che farmaceutiche – sono oggi impegnati nella ricerca e sviluppo di Terapie Digitali / Digital Therapeutics.

Per questo motivo, il rimborso delle Terapie Digitali / Digital Therapeutics è stato il tema di maggior interesse discusso lo scorso 20 febbraio alla conferenza DTxWest2020, tenuta a San Mateo, CA nella Silicon Valley.

La discussione è stata sintetizzata su Forbes da Greg Licholai, esperto di innovazione in Sanità, nell’articolo Digital Therapeutics Leaders Focus On Reimbursement.

I leader delle Digital Therapeutics / DTx hanno discusso di come il settore abbia bisogno di risolvere il suo enigma dei rimborsi per continuare a crescere.

Alcuni passaggi dell’articolo originale sul rimborso delle Terapie Digitali / Digital Therapeutics – evidenziati in corsivo – vengono di seguito ripresi e tradotti.

Rimborso replicabile

La frase ripetuta nei panel e nelle presentazioni è stata “possiamo ottenere un rimborso replicabile? Il settore si è evoluto a partire dai modelli di generazione di prove di efficacia e dai percorsi regolatori discussi nei precedenti incontri.

Oggi i leader delle DTx hanno spostato l’attenzione su modelli di business sostenibili e stanno cercando di gestire l’impatto delle recenti tendenze di finanziamento.

Peter Hames, CEO di Big Health, ha dichiarato che le DTx sono una “pillola dietetica per i bilanci [dei pagatori]” e che la sua azienda si è concentrata sull’economia sanitaria.

Ha definito la loro proposizione di valore come una “vendita da CFO”, poiché i “fondamentali sono raccogliere prove sul risparmio dei costi”. Stanno conducendo studi economici longitudinali per allineare gli incentivi per i pagatori, i fornitori e i pazienti.

Rimborso delle Terapie Digitali al DTxWest

I dati sono il prodotto

Le aziende DTx raccolgono in modo continuativo informazioni sugli interventi che creano opportunità senza precedenti di generare dati affidabili sui risultati di esito per la salute.

Il mandato dei pagatori è ridurre i costi mantenendo una assistenza eccellente, secondo Brent Vaughan, CEO di Cognoa. Egli ha osservato che i pagatori maggiori coinvolgeranno le aziende DTx che presentano dati farmacoeconomici efficienti.

Yasodhara Paruchuru, VP di Happify Health, ha affermato che “abbiamo bisogno di un rimborso sostenibile”. Ha spiegato che l’industria delle DTx dovrebbe essere in grado di offrire sia risparmi sui costi che efficacia. I pagatori sono guidati da modelli di azienda che facilitano l’adesione alla terapia e migliorano l’efficacia, riducendo al contempo i costi.

Prezzi basati sul valore

Hames e altri hanno discusso di come le aziende DTx possano trarre vantaggio dal fatto che i costi marginali si avvicinano a zero, il che cambierà il modo in cui i pagatori pensano al valore.

I leader hanno incoraggiato i loro colleghi ad adottare modelli di pagamento basati su bassi costi di distribuzione.

Alex Waldron di Pear Therapeutics ha affermato che, dal momento che i dati sono il prodotto delle DTx, il settore deve dimostrare l’impatto economico degli esiti favorevoli per la salute. Ha sostenuto che “come industria basata sui dati abbiamo una opportunità unica per comprendere meglio i pagatori e ridurre il costo complessivo dell’assistenza”.

Paruchuru ha commentato che i risultati di efficacia ed i dati economici consentiranno alle DTx di utilizzare modelli di rimborso basati sul valore.

Pagamenti del CMS

Waldron ha discusso la necessità di stabilire contratti di pagamento con il governo. Ha spiegato che “i legislatori stanno lavorando per correggere ciò che non va” sul pagamento di nuove terapie e sulle modalità. L’obiettivo è quello di trattare i problemi con bisogni rilevanti di salute inevasi ed alcuni settori come le neuroscienze sono poco soddisfatti usando pillole e dispositivi medici. Ha notato che la Food and Drug Administration (FDA) ha riconosciuto terapie breakthrough e che il passo successivo è che il Center for Medicare and Medicaid Services (CMS) offra il rimborso per i pazienti che hanno diritto a soluzioni terapeutiche che prvedano l’uso di DTx.

Megan Coder della Digital Therapeutics Alliance (DTA) ha suggerito che il CMS dovrebbe creare una nuova categoria, spiegando che attualmente i pazienti assicurati dal Medicare non hanno la copertura per le DTx.

L’industria – ha proseguito – sta lavorando per stabilire che “sia legittimata questo tipo di medicina basata sull’evidenza e sia rimborsata a condizione che siano garantite la sicurezza e la protezione del paziente”. Ha anche affermato che “i dati delle DTx mostrano esiti di salute e forniscono indicazioni per trattamenti appropriati”.

La Coder ha infine sottolineato che le aziende stanno sviluppando terapie legittime e che alcuni pazienti assicurati dal Medicare rischiano di essere privati di queste terapie.

Rimborso delle Terapie Digitali al DTxWest

Cambio delle partnership

I primi accordi tra imprese di DTx e Big Pharma hanno generato molta attenzione. Pear Therapeutics ha ottenuto una storica approvazione come primo software come dispositivo medico (Software as a medical Device – SoMD) e ha raccolto circa 130 milioni di dollari da investitori privati. Pear aveva stipulato un articolato accordo con Novartis che includeva la commercializzazione con Sandoz. L’anno scorso, in concomitanza ad un cambio di leadership, Sandoz – la divisione di generica della compagnia – ha restituito a Pear i diritti di commercializzazione. Novartis manterrà i diritti di co-sviluppo di altri programmi. In un’altra partnership di alto profilo, Otsuka ha annunciato che si separerà da Proteus Digital e dalla sua tecnologia chip-on-a-pill. La società farmaceutica giapponese sta invece collaborando con Click Therapeutics per sviluppare terapie digitali per la depressione maggiore.

Rimborso delle Terapie Digitali al DTxWest

Nuovi investimenti

Nel 2018 i venture capital hanno investito circa 8 miliardi di dollari in startup di DTx, ma i finanziamenti sono scesi l’anno successivo. Tuttavia, sono intervenuti investitori pubblici che hanno sostenuto diverse offerte pubbliche di acquisto (IPO – Initial Public Offering) di grandi aziende sanitarie abilitate da tecnologia digitale. Più di recente OneMedical è diventata pubblica con un tetto di mercato di circa 3 miliardi di dollari e un fatturato di centinaia di milioni e in crescita.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *